provamet

Il metodo

L’emozione è come un fiume:
se è secco, siamo nel deserto;
se è sovrabbondante, anneghiamo”.

Maurizio Stupiggia

La Psicoterapia Biosistemica

I riferimenti teorici

Biosistemica è il nome di un approccio terapeutico integrato a mediazione corporea formulato nel 1986 da Jerome Liss, psichiatra psicoterapeuta americano, che affonda le sue radici nelle teorie e nei modelli neurofisiologici di H. Laborit, E. Gellhorn, G. Edelman, D. Siegel, S. Porges, A. Schore, G. Rizzolatti ma anche nel modello embriologico di D. Boadella e J. Liss, nelle riflessioni di L. von Bertalanffy, G. Bateson e E. Morin per lo sfondo sistemico e nella ricerca sulla psicotraumatologia di B. van der Kolk e P. Ogden.
All’interno di quest’articolazione teorica si situa l’intervento terapeutico che, riprendendo alcuni temi e modi della psichiatria fenomenologica (R. Laing, D. Cooper) e della prospettiva intersoggettiva in psicoanalisi (H. Kohut, R. Storolov), si espande fino a evoluzioni del metodo della Gestalt e della Bioenergetica e all’assimilazione dei contributi dell’Infant Research (E. Tronick, B. Beebe e F. Lachmann). Queste ampie radici fanno sì che la Biosistemica possa affrontare la problematicità del rapporto mente – corpo e della relazione in tutta la sua complessità.

Il modello scientifico

Il modello teorico Biosistemico si basa sulla neurofisiologia delle emozioni per la loro ricaduta sui territori dell’immunologia e della psicosomatica e per la loro centralità in qualunque argomento clinico e psicopatologico. Si basa sull’idea che alla base delle nostre difficoltà emotive ci siano processi fisiologici inconsapevoli che debbano essere trasformati e ciò avviene avvalendosi di una visione sistemica che sottende l’intervento psicoterapeutico.
Le radici biologiche della sofferenza emotiva e somatica vengono comprese secondo i concetti di numerosi ricercatori di cui riporto i principali.

Il Modello embriologico di Boadella – Liss

In base al Modello embriologico di Boadella – Liss il funzionamento più o meno equilibrato del futuro organismo adulto (benessere) dipende dall’armonica funzionalità e connessione tra le tre componenti dell’essere umano: mente-corpo-emozioni. Queste si originano dai tre foglietti che si originano dall’embrione che sono rispettivamente l’ectoderma, il mesoderma e l’endoderma.
All’ectoderma, da cui si sviluppano il sistema nervoso centrale (SNC), la corteccia cerebrale, il sistema nervoso autonomo (Sna) e la pelle, corrisponde lo sviluppo cognitivo (orientamento sensorio e cognitivo); al mesoderma, da cui si generano lo scheletro, i muscoli ed il sistema cardiocircolatorio, corrisponde lo sviluppo motorio (locomozione e adattamento all’ambiente); all’endoderma, da cui hanno origine il sistema gastrointestinale, il sistema respiratorio e quello renale, corrisponde lo sviluppo emozionale.
A livello di intervento terapeutico l’obiettivo è l’integrazione tra pensieri, gesti e movimenti ed emozioni. L’emozione viene intesa come evento psicosomatico per eccellenza in cui le sensazioni corporee s’incontrano con i pensieri ristabilendo l’unità/connessione mente-corpo. Ad esempio avete un terribile mal di testa e non sapete perchè. Attraverso il lavoro biosistemico sarà possibile creare una connessione con la situazione problematica che provoca il mal di testa (conflitto con il proprio marito/moglie o con il proprio datore di lavoro o con i colleghi/e ecc) e con l’emozione sottesa (ad. es, la rabbia, la frustrazione, la tristezza ecc) per sciogliere il nodo emotivo/emozione dolorosa, provare sollievo e ritrovare emozioni positive, nuova energia e vitalità.

Il Modello neurofisiologico di Gellhorn

In base al Modello neurofisiologico di Gellhorn i disturbi emotivi e psicosomatici derivano dal lavoro simultaneo del simpatico ed il parasimpatico, le due componenti del Sistema Nervoso Autonomo, che crea nodi emotivi e sintomi psicosomatici.
Il simpatico consente l’attivazione dell’azione (lavorare, correre, danzare ecc) con dispendio di energia; il parasimpatico consente l’attivazione delle funzioni del riposo (dormire, rilassarsi) e del recupero energetico, controbilanciando gli effetti del simpatico, con recupero di energia. Con il predominio del simpatico si generano emozioni di rabbia, ira, frustrazione, irritabilità e sintomi come agitazione, nervosismo, palpitazioni, insonnia; con il predominio del parasimpatico si generano emozioni di vulnerabilità, senso di ferita e/o di colpa, paura, tristezza e sintomi come depressione, affaticamento, nausea, vomito, diarrea, stitichezza.
A livello di intervento terapeutico l’obbiettivo è ripristinare l’alternanza armonica fra le due funzioni (riposare, rilassarsi profondamente vs agire con vitalità) per ricreare condizioni di benessere, caratterizzato da emozioni di gioia attiva, a livello del simpatico, e di fusione e piacere, a livello del parasimpatico approfondendo e trasformando le emozioni negative in sollievo, desiderio di cambiamento e di nuova iniziativa a livello dell’azione personale.

Il Modello neurofisiologico di Laborit

In base al Modello neurofisiologico di Laborit  è stato dimostrato che i disturbi emotivi e psicosomatici derivano da un’inibizione all’azione prolungata nel tempo per cui la persona di fronte ad un ostacolo esterno (ad. esempio le continue critiche ricevute dal proprio datore di lavoro) non reagisce attraverso il sistema dell’azioneATTACCO (protesta)/FUGA (ricerca di un nuovo posto di lavoro) ma scarica dentro di sé ad. esempio l’emozione della rabbia.
Il sistema di inibizione dell’azione (paralisi-blocco) è funzionale quando dura pochi secondi o minuti (ad. esempio evitare di aggredire fisicamente il proprio datore di lavoro), ma se dura nel tempo produce, attraverso la soppressione dell’adrenalina e un anormale innalzamento dei corticosteroidi e della noradrelina (tutti ”ormoni dello stess”), stress, ansia, depressione, malattie cardiache e tumorali, riduzione della creatività e della memoria.
Per creare benessere sarà dunque imprescindibile favorire la disinibizione dell’azione ovvero aiutare la persona ad esplicitare i pensieri e ad esprimere le emozioni e i gesti legati alla situazione problematica per poi agire i movimenti e le azioni volte alla soluzione del problema (come ricercare un nuovo lavoro).

La Teoria Sistemica

Declinando la prospettiva della Teoria Sistemica in termini fisiologici, la sofferenza o la patologia sono frutto della mancanza di connessione tra le funzioni cognitive, le sensazioni corporee, le emozioni, le funzioni percettive, l’immaginazione visiva e le espressioni non verbali, sottosistemi dell’unità mente-corpo.
Compito del terapeuta è quindi favorire l’emergenza di ogni sottosistema utilizzandolo e di ricostruire le connessioni tra i sottosistemi portandoli ad un’interazione funzionale affinchè ci sia un completo sviluppo mente-corpo della persona.

Il processo terapeutico

L’Ascolto profondo

L’Ascolto Profondo ha lo scopo di accogliere il mondo interiore del paziente/cliente, di esplorare le sue preoccupazioni, delusioni, paure e difficoltà e di instaurare una relazione umana che consenta la condivisione dell’infelicità nascosta. La persona potrà fare chiarezza nei propri pensieri, entrare in contatto con le proprie emozioni e provare la sensazione di sollievo; i suoi atteggiamenti diventeranno più positivi e comincerà a provare speranza.
L’approfondimento delle emozioni può avvenire attraverso la ripetizione delle parole chiave portate dalla persona, ovvero di quelle parole che portano con sé una speciale carica emotiva, sul versante del simpatico (rabbia, ira ecc) o del parasimpatico (tristezza, angoscia ecc) e che rivelano un importante aspetto della sua esperienza. Il lavoro con le parole chiave crea un’atmosfera relazionale di profonda accettazione; sentendo una ricapitolazione della sua esperienza emotiva, il paziente è incoraggiato ad esplorarla, a stare nel qui ed ora ed a comprenderla. E’ possibile anche combinare la parola chiave con l’intervento corporeo suggerendo di associare alla parola un gesto o un movimento per integrare i due livelli fondamentali della nostra esistenza, quello mentale e quello corporeo.
L’esplorazione delle varie dimensioni delle emozioni (sensazioni, immagini, movimenti, pensieri), avviene attraverso le frasi direzionali che rappresentano uno strumento del terapeuta per seguire ed esplorare i canali che la persona stessa porta. Ad esempio il paziente può dire “mi sento congelato” e il terapeuta può domandare “dove senti questa sensazione nel corpo” oppure “puoi descrivere con un’immagine questa sensazione di congelamento? Le frasi direzionali possono essere formulate anche come domande aperte, e quindi essere di carattere generale come ad esempio “che cosa è successo?”, o “come ti senti in questo momento?“.

L’Empatia corporea

In Biosistemica il termine empatia, ovvero la capacità di immedesimarsi in un’altra persona fino a coglierne i pensieri e gli stati d’animo, assume un significato più esteso che include anche la dimensione della corporeità. L’empatia viene intesa come costante lavoro di ricerca e di adattamento delle proprie esperienze al materiale che il paziente offre, a livello cognitivo, emotivo e corporeo.
Rispetto al primo, come terapeuti, creiamo spontaneamente un’immagine che rappresenta ciò che il paziente ci racconta; per il secondo ci immedesimiamo nell’emozione che porta ed infine, in merito al terzo, ne rispecchiamo la postura, l’espressione non verbale, il tono e il ritmo di voce.
Relativamente a quest’ultimo punto, che favorisce l’empatia corporea, facciamo riferimento alle ricerche di Daniel Stern sulla relazione madre-bambino, per cui se si ha una buona “sintonizzazione” (attunement) o rispecchiamento a livello di comunicazione non verbale/implicita e rispetto al tono e ritmo di voce da parte di chi si prende cura del bambino, quest’ultimo svilupperà buone capacità di comunicare e di stare in relazione, altrimenti diventerà inibito oppure aggressivo. Nel contempo, seguendo Edward Tronick, sappiamo anche che l’esperienza della regolazione interattiva non si realizza solo attraverso momenti di incontro felici o di corrispondenza (matching), ma anche attraverso momenti di riparazione (mismatching repair) successivi alle inevitabili occasioni di rottura relazionale (mismatching)”; l’interazione si compone cioè di fasi di regolazione continua.
Le ricerche di Stern e Tronick costituiscono la base esplicativa di ciò che avviene, anche tra adulti, a livello di comunicazione corporea, e di conseguenza, tra paziente e terapeuta. In base ad esse è dunque possibile affermare che essere in empatia è un processo continuo di una serie di tentativi, errori e correzioni di rotta e che nell’ambito di un rapporto terapeutico, un aspetto fondamentale della cura è la relazione avendo la persona la possibilità di apprendere la capacità di sintonizzarsi con l’altro e di poter riparare le modalità relazionali disfunzionali fino a quel momento acquisite.

Dal Problema alla Soluzione

Secondo il Metodo Biosistemico, lo sviluppo personale richiede due fasi:
1. l’esplorazione e l’approfondimento delle emozioni;
2. la costruzione delle soluzioni per il futuro.
Durante la prima, l’esplorazione delle emozioni (angoscia, paura, delusione, tristezza, rabbia ecc), il cliente/paziente è incoraggiato a confrontarsi, in misura graduale e tollerabile, con i sentimenti che sono alla base della sua sofferenza.
L’accoglienza e il non-giudizio del terapeuta gli permettono di “entrare” nelle immagini, nei pensieri, nelle sensazioni del corpo e nelle emozioni connesse ai vissuti dolorosi. Questa è la fase più delicata e cruciale del processo terapeutico, dato che il lavoro si concentra sui contenuti profondi del vissuto personale per coglierne i punti di lacerazione e di strappo e per cercare di ricreare la connessione tra mente e corpo.
L’approfondimento delle emozioni porta poi l’individuo alla sensazione di sollievo. Di qui comincia la seconda fase, la costruzione per il futuro, durante la quale il cliente/paziente si interroga su come agire, su quali iniziative intraprendere nel futuro per superare o, almeno, diminuire il suo problema. La scelta operata dalla persona rispetto a diverse alternative possibili, viene, all’interno del setting, immaginata o anche simulata ovvero praticata. Varie tecniche espressive (role-playing, ecc.) vengono utilizzate per “trasformare una buona intenzione in un’azione reale”: ciò crea una memoria corporea che infonde sicurezza al paziente, in quanto esperienza vissuta “come se” fosse nella realtà.
In questo modo il lavoro emotivo crea un ponte verso la vita quotidiana in cui verranno intrapresi i cambiamenti concreti.
Per approfondimenti vedere il sito www.biosistemica.net

Bibliografia

Boadella, D, Liss J., La psicoterapia del corpo, Astrolabio, Roma, 1986.
Cristofori S, Giommi E.R (a cura di), Il benessere nelle emozioni, Edizioni La Meridiana, Molfetta, Bari, 2009.
De Sario, P, Fiumara R, Biosistemica: la scienza che unisce, FrancoAngeli, Milano, 2015.
Liss, J., Insieme per vincere l’Infelicità, FrancoAngeli, Milano, 1996.
Liss, J., L’ascolto profondo, Edizioni La Meridiana, Molfetta (BA), 2004.
Liss, J., Stupiggia M. (a cura di), La Terapia Biosistemica, FrancoAngeli, Milano, 1994.
Liss, J., “La filosofia della Scienza e la Ricerca Clinica: una proposta per una Psicologia Scientifica nuova”, in Psicologia Clinica (ed Prof. Mario Bertini), Vol 2, n°2, Maggio-Agosto, 1983, pp 143-163.
Liss, J., “Dall’emozione al cancro, Le ipotesi più recenti sul Rapporto tra Emozioni e insorgenze Tumorali, in Riza Psicosomatica, n° 68, Ottobre, 1986.

Liss, J., “Il Cervello Tripartito nella medicina, nel Mito e nella Fenomenologia, in Il Corpo in Psicoterapia, (Atti del XVI Congresso Congiunto CISSPAT-ICSAT), a cura di Luigi Peresson, Ed. CISSPAT, 1991, pp 73-86.
Liss, J., “Un solo Dio per l’umanità, in Mosaico di Pace, n°1 pag 6-7 Gennaio 2002.
Liss, J., “Il Medico e i gruppi di auto aiuto: la medicina del 2000”, in Medicina, vol.10 n° 1 pag 37-38 Marzo‚ 2002.
Liss J, “Empatia corporea, in Anima e Corpo, Rivista Online, 2011.
Liss J, “Il metodo dell’identificazione!, in Anima e Corpo, Rivista Online, 2011.
Stupiggia M., Il corpo violato, La Meridiana, Molfetta (BA), 2007.
Stupiggia M, “La solitudine senza speranza: un approccio psicocorporeo al trauma, Rivista italiana di Analisi Bioenergetica, n. 1, Franco Angeli, Milano, 2009.
Stupiggia M, (2014),“Il modello biosistemico”, in INCHIESTA, N.°183, Edizioni Dedalo, Bari.

Stupiggia M (2014), Il counseling biosistemico in Rivista Italiana di Counseling n.°.1, ASSOCOUNSELING, Milano.

pencil109

Ricevo a Bologna
in Via Parisio 28
e in Via Indipendenza 56.
Puoi contattarmi
al 328.2136860
oppure scrivendomi

SCRIVIMI